Risarcimento danni sinistro stradale




Risarcimento danni sinistro stradale


Lo sapevi che, a seguito di un incidente fino a ieri la legge prevedeva che, il risarcimento danni sinistro stradale non potesse essere superiore al valore del veicolo? Oggi però le cose sono cambiate! Da adesso si può pretendere un risarcimento danni totale, anche se la spesa della riparazione supera il valore commerciale dell' auto! Una recente sentenza infatti ha stabilito che, ogni autoriparazione deve essere risarcita dalla polizza assicurativa in maniera INTEGRALE indipendentemente dal valore commerciale dell' auto e, a ogni risarcimento per un incidente stradale, l'assicurazione deve obbligatoriamente rispondere qualsiasi sia il costo dell' intevento.


RISARCIMENTO DANNI SINISTRO STRADALE: COS' E' IL DANNO ANTI-ECONOMICO?


Fino ad oggi, a causa dell' ingente valore dei danni subiti, decine di auto incidentate che transitavano nei centri di riparazione, venivano direttamente demolite anche se nuove o con pochi chilometri. Questo fenomeno che negli ultimi anni si è verificato sempre più frequentemente, tecnicamente è chiamato “danno anti-economico”. Ma cos' è una riparazione anti economica e cosa la rende tale? In pratica, un' ordinanza del 28 aprile 2014 ha stabilito che, il risarcimento danni sinistro stradale non poteva essere superiore al valore del veicolo commerciale del veicolo ante-incidente. Per fare un esempio pratico, se per riparare una mercedes Classe B del 2010 dal valore di 6.500 era stata preventivata una spesa per la riparazione pari a 8.000 euro, il proprietario per poter rimettere in sicurezza l'auto incidentata non riceveva un risarcimento danni sinistro stradale totale ma era costretto a pagare di tasca propria la differenza tra i due valori, ossia 1.500 euro.


PERCHE' LA ROTTAMAZIONE DELLE VETTURE INCIDENTATE E' AUMENTATA NEGLI ULTIMI 4 ANNI?


Da quando è entrata in vigore l'ordinanza nel 2014, la riparazione antieconomica è diventata una situazione frequente nei sinistri stradali. Questo fenomeno ha segnato un aumento significativo di veicoli incidentati che non è conveniente economicamente riparare, destinati quindi alla demolizione. Ovviamente ci si riferisce a mezzi non recentissimi ma ancora in buone condizioni seppur con qualche anno di utilizzo. Questo perchè un eventuale sinistro, anche se non gravissimo, può assorbire il valore del veicolo e renderne antieconomica la riparazione. Inoltre l'innalzamento dei costi di riparazione dovuto alle nuove componentistiche e alle sofisticate funzioni presenti sui veicoli attuali (come airbag per protezione dei passeggeri, sistemi tecnologici di assistenza alla guida e nuove tecnologie di illluminazione xenon o led), ha fatto sì che, i casi di riparazione antieconomica siano più che raddoppiati negli ultimi 4 anni.


LA NOVITA': L' OBBLIGO DI RISARCIMENTO INTEGRALE ANCHE SE ANTIECONOMICO


Oggi però la giurisprudenza è venuta in aiuto. Anche se il danno è anti-economico, ogni automobilista avrà il diritto di ripristinare il proprio mezzo incidentato rendendolo sicuro e utilizzabile, senza ovviamente esagerare con le finiture. Infatti, in una recente sentenza nella causa civile iscritta al n 1572/16, il giudice di pace di Vibo Valentia, dott. Ilario Giuseppe Longo, ha stabilito che il risarcimento danni sinistro stradale va risarcito integralmente anche se la riparazione è antieconomica. Leggi la sentenza: risarcimento del danno antieconomico In pratica la sentenza dice “il danneggiato" da un sinistro stradale ha diritto a che il suo veicolo torni ad essere perfettamente riparato e nuovamente funzionante, ogni qualvolta il mezzo, per la sua particolare funzione e il suo ottimo stato di manutenzione, non può essere sostituito con un altro usato reperibile sul mercato. Riportiamo di seguito uno dei tanti esempi di riparazione avvenuta descritti all' interno del forum del Carrozziere alla voce RIPARAZIONE ANTI-ECONOMICA. Nome: Autoriparatore: Andrea C. di Roma Vettura riparata: Opel Corsa Valore vettura al momento del sinistro: 2300.00 euro Importo liquidato dall'assicurazione: 6200.00 euro Andrea scrive: “La mia azienda non è fiduciaria con nessuna compagnia assicurativa, purtroppo però nella mia zona quasi tutte le carrozzerie concorrenti lo sono... un giorno con l’officina semideserta e 8 dipendenti da pagare, è entrata questa vettura tamponata, abbiamo provato a ripararla e siamo riusciti a incassare fino all’ultimo centesiomo senza incaricare avvocati o infortunistiche. A oggi, oltre a quella vettura abbiamo riparato 4 auto con danni che superavano il valore quattroruote anche del doppio.